giovedì 22 ottobre 2020

UN CAMBIO DI CIVILTA’ – THE GREEN NEW DEAL


 

La pandemia che ha messo in ginocchio tutto il nostro mondo , il cambiamento climatico ed il riscaldamento globale  che stanno distruggendo la vivibilità di vaste zone geografiche  , la diseguaglianza  ed il peggioramento delle condizioni di vita di sempre più larghe parti della popolazione, non solo dei paesi sottosviluppati ma anche di quelli più avanzati,  stanno  rimettendo in discussione il nostro modello di sviluppo  e chiedono a tutti noi di prendere coscienza che siamo in una di quelle delicate fasi storiche  in cui si assiste al passaggio verso una nuova forma di civiltà.

Sono epoche di transizione in cui come in passato si assiste alla perdita di credibilità delle istituzioni e della cultura dominante  mentre si è ancora in cerca di nuovi contenuti e dei soggetti sociali , dei progetti culturali  e delle trasformazioni economiche che permetteranno il delinearsi di una nuova civiltà mondiale.

Poche sono le voci  che si alzano con capacità e credibilità in questo momento . Una mi sembra quella di Papa Francesco che, recentemente,  nella sua enciclica ha sottolineato il valore della “ Fratellanza” come condizione necessaria per affrontare e superare insieme le difficoltà di questa fase storica in cui sono indissolubilmente  legate la crisi ecologica e quella sociale. Crisi dove la solidarietà e la fratellanza fra i popoli e all’interno delle nazioni deve prendere il posto della “paura dell’altro” nel corso di questa nuova lotta per la sopravvivenza che interessa l’intera umanità.

È  paradossale che un mondo così potenzialmente ricco sia attraversato da tanta povertà  e odio.

Questi aspetti e la necessità di voltare immediatamente pagina sono stati portati avanti da una giovane ragazza che ci  ha letteralmente  “ rimproverati”  aspramente  per riuscire scuoterci dalla nostra ignavia:  “Greta  Thunberg”.

 Quanti di noi hanno cominciato a capire la gravità del problema ecologico  grazie alle mobilitazioni di questi ragazzi?

Cosa stanno facendo il mondo adulto e le istituzioni mondiali per ascoltare  queste richieste e dare soluzione alle urgenze ed ai problemi che  rendono difficili le prospettive di vita del pianeta?

Sempre più persone, intellettuali  e movimenti politici stanno ponendo al centro del loro programma una doverosa attenzione verso questi temi .

 Mi piace ricordare, ad esempio, l’impegno di un’attrice , figlia d’arte , come Jane Fonda che ha festeggiato i suoi 82 anni  in arresto per aver manifestato in forma di disobbedienza civile per portare avanti questi temi. Intellettuali come Jeremy Rifkin o Naomi Klein ci stanno regalando libri interessanti come “Un Green New Deal globale”, il primo, e “ Il mondo in fiamme” la seconda. Bernie Sanders  negli USA ha cercato di portare  avanti un programma politico  che metta al centro un  Green New Deal  in cui si legano i temi dell’ecologia con quelli delle parti più deboli della popolazione. In Europa, recentemente, la Commissione Europea si è pronunciata con forza per dedicare a questi temi la programmazione del bilancio europeo dei prossimi anni. All’interno di questo processo mi sembra interessante proporvi per intero un documento che mi sembra rappresentare l’espressione di una giovane e temeraria volontà politica di fare immediatamente qualcosa in uno delle maggiori potenze economiche mondiali   come gli Stati Uniti d’America.

Nel 2019.  la giovane  rappresentante del Congresso  Americano  Alexandria Ocasio-Cortez , insieme  al senatore Ed Markey ha presentato una risoluzione sul cosiddetto "Green New Deal “che, pur  battuta nella votazione,  rappresenta forse un momento storico da non dimenticare  e di cui  vi trascrivo qui di seguito il contenuto:

“Riconoscendo il dovere del governo federale di creare un Green New Deal  (2019) “ ( fonte Wikisource)

di Alexandria Ocasio-Cortez

7 FEBBRAIO 2019

La signora  Ocasio - Cortez (per se stessa, il signor  Hastings , la signora  Tlaib , Mr.  Serrano , la signora  Carolyn B.  Maloney di New York, il signor  Vargas , Mr.  Espaillat , signor  Lynch , la signora  Velázquez , Mr.  Blumenauer , Il signor  Brendan F. Boyle della Pennsylvania, il signor  Castro del Texas, la signora  Clarke di New York, la signora  Jayapal , il signor  Khanna , il signor  Ted Lieu della California, la signora  Pressley, Sig.  Welch , Sig.  Engel , Sig.  Neguse , Sig.  Nadler , Sig.  Mc Govern , Sig.  Pocan , Sig.  Takano , Sig.ra  Norton , Sig.  Raskin , Sig.  Connolly , Sig.  Lowenthal , Sig.ra  Matsui , Sig.  Thompson della California, Sig.  Levin della California, Sig.ra  Pingree , Sig.  Quigley , Sig.  Huffman , Sig.ra  Watson  Coleman , Sig.  García dell'Illinois, Sig.  Higginsdi New York, la signora  Haaland , la signora  Meng , il signor  Carbajal , il signor  Cicilline , il signor  Cohen , la signora  Clark del Massachusetts, la signora  Judy Chu della California, la signora  Mucarsel - Powell , il signor  Moulton , il signor  Grijalva , Sig.  Meeks , Sig.  Sablan , Sig.ra  Lee della California, Sig.ra  Bonamici , Sig.  Sean Patrick Maloney di New York, Sig.ra  Schakowsky , Sig.ra  De Lauro , Sig.  Levindel Michigan, la signora  Mc Collum , il signor  De Saulnier , il signor  Courtney , il signor  Larson del Connecticut, la signora  Escobar , il signor  Schiff , il signor  Keating , il signor  De Fazio , la signora  Eshoo , la signora  Trahan , il signor  Gomez , il signor  Kennedy e la signora  Waters) ha presentato la seguente delibera; deferito alla commissione per l'energia e il commercio e oltre alle commissioni per la scienza, lo spazio e la tecnologia, l'istruzione e il lavoro, i trasporti e le infrastrutture, l'agricoltura, le risorse naturali, gli affari esteri, i servizi finanziari, la magistratura, i modi e i mezzi , e Supervisione e Riforma, per un periodo che sarà successivamente determinato dal Presidente, in ogni caso per l'esame di tali disposizioni che rientrano nella giurisdizione del comitato interessato

RISOLUZIONE

Riconoscendo il dovere del governo federale di creare un Green New Deal.

Considerando che il rapporto dell'ottobre 2018 intitolato "Rapporto speciale sul riscaldamento globale di 1,5 ° C" del gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici e il quarto rapporto sulla valutazione del clima nazionale del novembre 2018 hanno rilevato che:

(1) l'attività umana è la causa principale dei cambiamenti climatici osservati nel secolo scorso;

(2) un clima che cambia sta provocando l'innalzamento del livello del mare e un aumento di incendi, forti tempeste, siccità e altri eventi meteorologici estremi che minacciano la vita umana, comunità sane e infrastrutture critiche;

(3) il riscaldamento globale pari o superiore a 2 gradi Celsius oltre i livelli preindustrializzati causerà:

(A) migrazione di massa dalle regioni più colpite dal cambiamento climatico;

(B) più di $ 500.000.000.000 di perdita di produzione economica annua negli Stati Uniti entro il 2100;

(C) gli incendi che, entro il 2050, bruceranno ogni anno almeno il doppio della superficie forestale negli Stati Uniti occidentali rispetto a quella tipica degli incendi negli anni precedenti il ​​2019;

(D) una perdita di oltre il 99 per cento di tutte le barriere coralline sulla Terra;

(E) più di 350.000.000 di persone in più saranno esposte a livello globale a stress da caldo mortale entro il 2050; e

(F) un rischio di danni a $ 1.000.000.000.000 di infrastrutture pubbliche e immobili costieri negli Stati Uniti; e

(4) le temperature globali devono essere mantenute al di sotto di 1,5 gradi Celsius al di sopra dei livelli preindustrializzati per evitare gli impatti più gravi di un clima che cambia, che richiederanno:

(A) riduzioni globali delle emissioni di gas a effetto serra da fonti umane dal 40 al 60 percento rispetto ai livelli del 2010 entro il 2030; e

(B) emissioni globali nette zero entro il 2050;

 

Considerando che, poiché gli Stati Uniti sono stati storicamente responsabili di una quantità sproporzionata di emissioni di gas a effetto serra, avendo emesso il 20% delle emissioni globali di gas a effetto serra fino al 2014 e hanno un'elevata capacità tecnologica, gli Stati Uniti devono assumere un ruolo guida nella riduzione delle emissioni attraverso trasformazione economica;

Mentre gli Stati Uniti stanno attualmente attraversando diverse crisi correlate, con-

(1) l'aspettativa di vita in calo mentre i bisogni di base, come aria pulita, acqua pulita, cibo sano e un'adeguata assistenza sanitaria, alloggio, trasporti e istruzione, sono inaccessibili a una parte significativa della popolazione degli Stati Uniti;

(2) una tendenza di 4 decadi di stagnazione salariale, deindustrializzazione e politiche anti-lavoro che ha portato a:

(A) salari orari complessivamente stagnanti dagli anni '70 nonostante l'aumento della produttività dei lavoratori;

(B) il terzo peggior livello di mobilità socioeconomica nel mondo sviluppato prima della Grande Recessione;

(C) l'erosione del potere di guadagno e di contrattazione dei lavoratori negli Stati Uniti; e

(D) risorse inadeguate per i lavoratori del settore pubblico per affrontare le sfide del cambiamento climatico a livello locale, statale e federale; e

(3) la più grande disparità di reddito dagli anni '20, con -

(A) l'1% più ricco di guadagni ha accumulato il 91% dei guadagni nei primi anni di ripresa economica dopo la Grande Recessione;

(B) un grande divario razziale nella ricchezza pari a una differenza di 20 volte più ricchezza tra la famiglia media bianca e la famiglia media nera; e

(C) un divario retributivo di genere che si traduce in donne che guadagnano circa l'80% in meno rispetto agli uomini, in media;

Considerando che il cambiamento climatico, l'inquinamento e la distruzione ambientale hanno esacerbato le ingiustizie razziali, regionali, sociali, ambientali ed economiche sistemiche (indicate in questo preambolo come "ingiustizie sistemiche") colpendo in modo sproporzionato le popolazioni indigene, le comunità di colore, le comunità di migranti, le comunità deindustrializzate , comunità rurali spopolate, poveri, lavoratori a basso reddito, donne, anziani, senza alloggio, persone con disabilità e giovani (denominate in questo preambolo "comunità in prima linea e vulnerabili");

 

Considerando che il cambiamento climatico costituisce una minaccia diretta per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti -

(1) influenzando la stabilità economica, ambientale e sociale di paesi e comunità in tutto il mondo; e

(2) agendo come moltiplicatore di minacce;

Mentre le mobilitazioni guidate dal governo federale durante la seconda guerra mondiale e il New Deal hanno creato la più grande classe media che gli Stati Uniti hanno mai visto, ma molti membri di comunità in prima linea e vulnerabili sono stati esclusi da molti dei benefici economici e sociali di quelle mobilitazioni; e Mentre la Camera dei Rappresentanti riconosce che una nuova mobilitazione nazionale, sociale, industriale ed economica su una scala mai vista dalla Seconda Guerra Mondiale e dall'era del New Deal è un'opportunità storica -

(1) creare milioni di posti di lavoro buoni e con salari elevati negli Stati Uniti;

(2) fornire livelli senza precedenti di prosperità e sicurezza economica per tutte le persone degli Stati Uniti; e

(3) per contrastare le ingiustizie sistemiche:

ora, quindi, sia Risolto , che è opinione della Camera dei Rappresentanti che-

(1) è dovere del governo federale creare un Green New Deal—

(A) raggiungere zero emissioni nette di gas a effetto serra attraverso una transizione equa e giusta per tutte le comunità e i lavoratori;

(B) creare milioni di posti di lavoro buoni e ad alto salario e garantire prosperità e sicurezza economica a tutte le persone degli Stati Uniti;

(C) investire nelle infrastrutture e nell'industria degli Stati Uniti per affrontare in modo sostenibile le sfide del 21 ° secolo;

(D) garantire a tutte le persone degli Stati Uniti per le generazioni a venire -

i) aria e acqua pulite;

(ii) clima e resilienza della comunità;

(iii) cibo sano;

(iv) accesso alla natura; e

(v) un ambiente sostenibile; e

(E) promuovere la giustizia e l'equità interrompendo la corrente; prevenire il futuro; e riparare l'oppressione storica dei popoli indigeni; comunità di colore; comunità di migranti; comunità deindustrializzate; comunità rurali spopolate; il povero; lavoratori a basso reddito; donne; gli anziani; i disabitati; persone con disabilità; e i giovani (denominati in questa risoluzione "comunità in prima linea e vulnerabili");

(2) gli obiettivi descritti nei sottoparagrafi da (A) a (E) del paragrafo (1) (indicati nella presente risoluzione come "obiettivi del Green New Deal") dovrebbero essere raggiunti attraverso una mobilitazione nazionale di 10 anni (di cui al presente risoluzione come la "mobilitazione del Green New Deal") che richiederà i seguenti obiettivi e progetti:

(A) rafforzare la resilienza contro i disastri legati ai cambiamenti climatici, come le condizioni meteorologiche estreme, anche facendo leva sui finanziamenti e fornendo investimenti per progetti e strategie definiti dalla comunità;

(B) riparare e aggiornare l'infrastruttura negli Stati Uniti, tra cui:

(i) eliminando l'inquinamento e le emissioni di gas serra per quanto tecnologicamente fattibile;

(ii) garantendo l'accesso universale all'acqua pulita;

(iii) riducendo i rischi posti dagli impatti climatici; e

(iv) assicurando che qualsiasi disegno di legge sulle infrastrutture considerato dal Congresso affronti il ​​cambiamento climatico;

 

(C) soddisfare il 100 percento della domanda di energia negli Stati Uniti attraverso fonti di energia pulita, rinnovabile ea zero emissioni, tra cui:

(i) espandendo e potenziando notevolmente le fonti di energia rinnovabile; e

(ii) implementando nuova capacità;

 

(D) costruire o potenziare reti elettriche efficienti dal punto di vista energetico, distribuite e "intelligenti" e garantire un accesso economico all'elettricità;

 

(E) l'aggiornamento di tutti gli edifici esistenti negli Stati Uniti e la costruzione di nuovi edifici per ottenere la massima efficienza energetica, efficienza idrica, sicurezza, convenienza, comfort e durata, anche attraverso l'elettrificazione;

 

(F) stimolare una crescita massiccia nella produzione pulita negli Stati Uniti e rimuovere l'inquinamento e le emissioni di gas a effetto serra dalla produzione e dall'industria per quanto tecnologicamente fattibile, anche espandendo la produzione di energia rinnovabile e investendo nella produzione e nell'industria esistenti;

 

(G) lavorare in collaborazione con agricoltori e allevatori negli Stati Uniti per rimuovere l'inquinamento e le emissioni di gas a effetto serra dal settore agricolo per quanto tecnologicamente fattibile, tra cui:

i) sostenendo l'agricoltura familiare;

(ii) investendo in pratiche agricole e di uso del suolo sostenibili che aumentano la salute del suolo; e

(iii) costruendo un sistema alimentare più sostenibile che garantisca l'accesso universale a cibi sani;

 

(H) revisione dei sistemi di trasporto negli Stati Uniti per rimuovere l'inquinamento e le emissioni di gas a effetto serra dal settore dei trasporti per quanto tecnologicamente fattibile, anche attraverso investimenti in:

i) infrastruttura e fabbricazione dei veicoli a emissioni zero;

(ii) trasporto pubblico pulito, economico e accessibile; e

(iii) ferrovia ad alta velocità;

 

(I) mitigare e gestire gli effetti negativi sulla salute, economici e di altro tipo a lungo termine dell'inquinamento e dei cambiamenti climatici, anche fornendo finanziamenti per progetti e strategie definiti dalla comunità;

 

(J) rimuovere i gas a effetto serra dall'atmosfera e ridurre l'inquinamento ripristinando gli ecosistemi naturali attraverso soluzioni comprovate a bassa tecnologia che aumentano lo stoccaggio del carbonio nel suolo, come la conservazione del suolo e il rimboschimento;

 

(K) ripristino e protezione di ecosistemi minacciati, in pericolo e fragili attraverso progetti appropriati a livello locale e basati sulla scienza che migliorano la biodiversità e supportano la resilienza climatica;

(L) ripulire i rifiuti pericolosi esistenti e i siti abbandonati, garantendo lo sviluppo economico e la sostenibilità in tali siti;

(M) identificare altre fonti di emissioni e inquinamento e creare soluzioni per rimuoverle; e

(N) promuovere lo scambio internazionale di tecnologia, esperienza, prodotti, finanziamenti e servizi, con l'obiettivo di rendere gli Stati Uniti il ​​leader internazionale nell'azione per il clima e per aiutare altri paesi a raggiungere un Green New Deal;

(3) un Green New Deal deve essere sviluppato attraverso la consultazione, la collaborazione e il partenariato trasparenti e inclusivi con comunità in prima linea e vulnerabili, sindacati, cooperative di lavoratori, gruppi della società civile, università e imprese; e

(4) per raggiungere gli obiettivi e la mobilitazione del Green New Deal, un Green New Deal richiederà i seguenti obiettivi e progetti:

 

(A) fornire e sfruttare, in modo tale da garantire che il pubblico riceva quote di proprietà appropriate e ritorni sugli investimenti, capitale adeguato (anche attraverso sovvenzioni comunitarie, banche pubbliche e altri finanziamenti pubblici), competenze tecniche, politiche di supporto e altre forme di assistenza a comunità, organizzazioni, enti governativi federali, statali e locali e imprese che lavorano alla mobilitazione del Green New Deal;

(B) garantire che il governo federale tenga conto dei costi ambientali e sociali completi e degli impatti delle emissioni attraverso:

(i) leggi esistenti;

(ii) nuove politiche e programmi; e

(iii) garantire che le comunità in prima linea e vulnerabili non siano influenzate negativamente;

 

(C) fornire risorse, formazione e istruzione di alta qualità, inclusa l'istruzione superiore, a tutte le persone degli Stati Uniti, con particolare attenzione alle comunità in prima linea e vulnerabili, in modo che tutte le persone degli Stati Uniti possono essere partecipanti pieni ed uguali alla mobilitazione del Green New Deal;

(D) effettuare investimenti pubblici nella ricerca e sviluppo di nuove tecnologie e industrie di energia pulita e rinnovabile;

(E) dirigere gli investimenti per stimolare lo sviluppo economico, approfondire e diversificare l'industria e le imprese nelle economie locali e regionali e costruire ricchezza e proprietà della comunità, dando priorità alla creazione di posti di lavoro di alta qualità e ai vantaggi economici, sociali e ambientali nelle comunità in prima linea e vulnerabili, e comunità deindustrializzate, che potrebbero altrimenti lottare con la transizione dalle industrie ad alta intensità di gas serra;

(F) garantire l'uso di processi democratici e partecipativi che siano inclusivi e guidati da comunità e lavoratori in prima linea e vulnerabili per pianificare, attuare e amministrare la mobilitazione del Green New Deal a livello locale;

(G) garantire che la mobilitazione del Green New Deal crei posti di lavoro sindacali di alta qualità che paghino gli stipendi prevalenti, assuma lavoratori locali, offra opportunità di formazione e avanzamento e garantisce parità salariale e previdenziale ai lavoratori interessati dalla transizione;

(H) garantire un lavoro con un salario di sostentamento familiare, un congedo familiare e medico adeguato, ferie pagate e sicurezza pensionistica a tutte le persone degli Stati Uniti;

(I) rafforzare e proteggere il diritto di tutti i lavoratori di organizzarsi, sindacalizzare e contrattare collettivamente senza coercizione, intimidazione e molestie,

 

(J) rafforzare e far rispettare il lavoro, la salute e la sicurezza sul posto di lavoro, l'antidiscriminazione e gli standard salariali e orari in tutti i datori di lavoro, industrie e settori,

(K) emanare e far rispettare le regole commerciali, gli standard di approvvigionamento e gli aggiustamenti dei confini con una forte tutela del lavoro e dell'ambiente -

i) fermare il trasferimento di posti di lavoro e l'inquinamento all'estero; e

(ii) far crescere la produzione domestica negli Stati Uniti;

 

(L) garantire che le terre, le acque e gli oceani pubblici siano protetti e che il dominio eminente non sia abusato;

 

(M) ottenere il consenso libero, preventivo e informato dei popoli indigeni per tutte le decisioni che riguardano i popoli indigeni e i loro territori tradizionali, onorare tutti i trattati e accordi con i popoli indigeni e proteggere e far rispettare la sovranità ei diritti alla terra dei popoli indigeni;

 

(N) garantire un ambiente commerciale in cui ogni uomo d'affari sia libero dalla concorrenza sleale e dal dominio di monopoli nazionali o internazionali; e

 

(O) fornire a tutte le persone degli Stati Uniti:

(i) assistenza sanitaria di alta qualità;

(ii) alloggi economici, sicuri e adeguati;

(iii) sicurezza economica; e

(iv) acqua pulita, aria pulita, cibo sano e conveniente e accesso alla natura.

 

 


 

mercoledì 7 ottobre 2020

MIGLIORIAMO IL REDDITO DI CITTADINANZA


 

La prima questione che porrei    all'interno del reddito di cittadinanza è quella degli ex percettori del REI  per cui riproporrei la stessa elargizione prevista in passato senza ulteriori  impegni  sul fronte della ricerca di lavoro.

Il discorso cambia per tutti gli altri : Giovani in cerca di prima occupazione , persone in continua alternanza con lavori precari , persone che hanno esaurito il NASPI e sono in situazione di disoccupazione di lunga durata ecc ecc.

In questo caso  si dovrebbe trasformare il  reddito di cittadinanza  in “lavoro di cittadinanza”  con l'obbligo pertanto della prestazione di almeno 30 ore settimanali di lavoro socialmente utile e 10 ore di frequenza e/o disponibilità per la formazione e ricerca di lavoro. 

Creiamo squadre di lavoro  che operino per  la realizzazione di nuove case popolari, riconversione e lavoro nei terreni pubblici abbandonati, difesa dell’ambiente, servizi sociali ai disabili, alle famiglie, apprendistato in professioni di cui si hanno particolari competenze  ecc. ecc. Un’occasione d’ingresso al lavoro, di socializzazione e d’integrazione insieme per lavoratori italiani disoccupati( prima occupazione , scaduto il sussidio naspi e disoccupazione di lunga durata, lavori saltuari ) e per immigrati ( obbligo di prestazione di lavoro anche se in attesa di definizione della propria condizione  e promessa dopo due anni della cittadinanza). Un lavoro sociale temporaneo in attesa dell' inserimento nel mercato del lavoro  a tempo indeterminato. 

Dal mio punto di vista  il reddito di cittadinanza non dovrebbe essere perso in caso di accettazione di lavoro saltuario  e a tempo determinato ma solo ridefinito l'importo erogato.  Ritengo inoltre importante la lotta per l'introduzione in  italia del salario minimo e di un costo del salario orario per il lavoro a tempo determinato o parziale  superiore di almeno il 30% del lavoro a tempo indeterminato. 

Faccio notare che l'impostazione proposta riguarda solo ed esclusivamente una situazione da considerare transitoria in attesa di un inserimento nel mercato del lavoro pubblico o privato che deve avvenire il prima possibile con politiche del lavoro dedicate.

La questione che io solleverei è l'impossibilità di continuare ad avere come riferimento per l'erogazione del sussidio il reddito familiare, pur con tutte le indicazioni di equivalenza: Questo effettivamente è un controsenso che renderebbe troppo sottopagate le persone dello stesso nucleo costrette e prestare almeno le 30 ore settimanali previste. Va fatto un tentativo immediato per porre un riferimento personale e non familiare all'erogazione del reddito di cittadinanza, tenendo presente nel calcolo dell'equivalenza i minori a carico, oltre a mantenere il sussidio dei 280 euro ulteriori per l'integrazione all'affitto.

Non nascondo che tutto questo può comportare maggiori risorse finanziarie da destinare alla misura del reddito di cittadinanza -lavoro; ma, allo stesso tempo, ritengo che questa misura , nella fattispecie proposta, consentirebbe a tante persone di avere l'orgoglio di partecipare in maniera immediata, seria ed organizzata al benessere della società in cui vivono.

Sarebbe un immediato strumento d'integrazione sociale anche nei confronti degli extracomunitari e in ultima istanza permetterebbe anche allo Stato , se fosse in grado di organizzare bene queste risorse lavorative, di ottenere degli introiti reddituali da destinare obbligatoriamente all'incremento del plafond finanziario destinato a questa operazione.


martedì 8 settembre 2020

IL PD alle prese con il Referendum

 


La Direzione nazionale del PD  ha deciso  che il PD appoggi con decisione  e ufficialmente la scelta del SI al prossimo Referendum  relativo al taglio dei parlamentari.

 Allo stesso tempo Il Segretario Nicola Zingaretti  ha anche aderito all'ipotesi avanzata da Luciano Violante  di " una raccolta firme per il bicameralismo differenziato" . Proposta  i cui termini principali mi sembrano espressi in queste righe dello stesso Violante all'interno di un articolo apparso sul quotidiano La Repubblica : " II Pd potrebbe fare campagna per il SI’ raccogliendo contemporaneamente firme su una proposta costituzionale di iniziativa popolare per il bicameralismo differenziato, impegnandosi a sostenerla immediatamente: attribuire alla sola Camera il voto di fiducia e il voto finale su tutte le leggi meno quelle costituzionali e i trattati internazionali, che resterebbero bicamerali; attribuire al Senato il controllo del bilancio, la costituzione di Commissioni di inchiesta, tutte le funzioni che la Costituzione oggi attribuisce alla Commissione parlamentare per le questioni regionali; il Senato, inoltre, potrebbe richiamare entro termini brevi le leggi approvate dalla Camera proponendo modifiche, sempre con il voto finale di Montecitorio. È una ipotesi; possono essercene altre egualmente valide".

 In questo modo verrebbe legata la riduzione dei parlamentari, oggetto della conferma referendaria, ad un'ipotesi diversa di organizzazione del Parlamento ,non fermandosi solo ad un'ipotesi di riforma della legge elettorale.

Il senso dell'iniziativa mi sembra condivisibile  quando tende a sottolineare che bisogna affrontare il tema vero di una riforma  istituzionale: non quello del taglio dei parlamentari, ma del superamento delle lungaggini del sistema   bicamerale. 

Da parte mia, ritengo che bisognerebbe avere il coraggio di pensare alla fine del bicameralismo, lasciando una sola camera composta dall'intero numero dei parlamentari rimasti, aumentando semmai, in tal modo, pure il rapporto  di rappresentanza di quella Camera con gli elettori. 

Da qui, la necessità ,ovviamente ,di una riforma elettorale che utilizzi questo aspetto ed una riflessione seria sulla possibilità di avere un Presidente del Consiglio, eletto direttamente dall'elettorato, con una durata del mandato di quattro o cinque anni. 


mercoledì 20 maggio 2020

OLTRE LA PANDEMIA VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE





Il popolo, il proletariato ed il sottoproletariato, le classi subalterne non sono di per sé rivoluzionarie; anzi, spesso sono culturalmente subordinate alle classi dirigenti e ne condividono le credenze e gli ideali per poi protestare visceralmente quando la realtà concreta le emargina. Solo la presa di coscienza di classe, affermava sottilmente e filosoficamente Karl Marx, rende il proletariato protagonista della storia e capace di liberare sé stesso  e l'umanità,  rivoluzionando l'organizzazione sociale  e produttiva.
Cos’è rimasto di tutto questo all'interno del pensiero cosiddetto progressista?
Quale è il pensiero alternativo capace di prefigurare una nuova organizzazione sociale e produttiva?
Quale la cultura che sottintende e guida questo processo?
Oggi, la pandemia mondiale del corona virus sta, ad esempio, evidenziando come uno sviluppo squilibrato nei confronti dell'ambiente naturale non sia più sostenibile e porti inevitabilmente  a problemi sempre più gravi.
Allo stesso tempo, Papa Francesco ci ha ricordato recentemente come le pandemie attuali siano molteplici: oltre alle malattie vi è la fame , l’ineguaglianza, la guerra. Negli anni venti del duemila è veramente incredibile che nei primi quattro mesi di quest'anno siano già morte per fame oltre tre milioni di persone nel mondo.
Che dire poi dello spreco sempre più grave della risorsa umana e della sua capacità lavorativa e creatrice?
Milioni di persone sono confinate in lavori saltuari e sottopagati che impediscono una vita dignitosa .Milioni di giovani ritengono problematico immaginare un proprio futuro degno di questo nome e rinunciano alla procreazione di  nuove vite. 
Oggi la pandemia  ha gettato il mondo in una profonda crisi economica paragonabile solo a quella successiva ad una guerra  o a quella del 1929 del secolo scorso .Milioni di persone entreranno nella sacca della disoccupazione e tantissime aziende non riusciranno a sopravvivere.
Da tutte le parti s'invoca la distribuzione di denaro a pioggia per sopravvivere a questa crisi e rilanciare una nuova fase di crescita.
Mi chiedo: ma non è forse l'occasione per ripartire almeno con il piede giusto?
Non è forse il caso di programmare  una spesa necessaria ma indirizzata non solo  all'assistenza ma anche allo sviluppo,  nel rispetto dell'ambiente?
Ritengo che in questo momento solo la spesa statale possa permettersi di non pensare solo all'immediato ritorno economico ma anche ad un investimento con ritorni più lunghi nel tempo ed a costi  calmierati per il consumatore finale ed il cittadino.
La prima preoccupazione è accelerare il processo di produzione di energia pulita  e di favorire la riconversione verso il suo utilizzo da parte del settore produttivo e civile.
Si parla del progetto di fusione nucleare come quello strategico per la produzione di energia illimitata e pulita; ma, a decorrere dal 2060, nel migliore dei casi.
Nel frattempo , perché, pur utilizzando momentaneamente il gas naturale, non si può accelerare nella produzione di energia elettrica  da fonti sostenibili?
Dopo la costruzione, di qualche anno fa, della grande centrale fotovoltaica in Marocco, in gran parte finanziata dalla BEI, centrali fotovoltaiche ancora più grandi ed importanti sono sorte in Cina ed in India.
Noi che facciamo?  Abbiamo anche difficoltà ad aprire centrali eoliche e a completare la TAP in Italia!
Abbiamo meno utilizzo del fotovoltaico rispetto  alla Germania che, notoriamente, ha condizioni climatiche peggiori delle nostre.
Perché non possiamo pensare di accelerare su questo settore e riconvertire il parco autovetture  con un aiuto più consistente dello Stato, per consentire anche ai meno abbienti di poter programmare la sostituzione della propria automobile? Perché non farne un progetto comune europeo ?
L’Europa nel suo insieme probabilmente in questi giorni riuscirà per la prima volta , grazie all'iniziativa Franco-Tedesca a pensare  all'emissione di un debito europeo di ca 500 MM per venire incontro ai paesi più colpiti dalla pandemia. Perché non pensare ad una ripartenza comune sullo sviluppo rispettoso dell'ambiente  producendo energia pulita e producendo insieme a prezzo calmierato la macchina elettrica coinvolgendo le migliori capacità private  e le aziende europee?
Possiamo coinvolgere nella realizzazione delle centrali fotovoltaiche anche i paesi africani e l'area del Sahara investendo noi europei sui loro territori e dividendo i guadagni e la produzione, ad esempio!
Possiamo coinvolgere tutti i lavoratori disoccupati in un nuovo New Deal ecologico  ed, oltre a dargli un reddito di disoccupazione o di cittadinanza, ottenere una prestazione lavorativa  nelle nuove attività di riqualificazione dell'ambiente e di produzione energetica.
Così facendo, dobbiamo porci il problema di rifondare la nostra società privilegiando il bene comune ed una vita dignitosa per tutti non prefigurando un appiattimento ma puntando sulla valorizzazione della competenza, della cultura e del rispetto della persona  così come dettato dai nostri principi costituzionali. Un progetto progressista oggi può farsi portavoce di questi obiettivi, combattendo allo stesso tempo l'attuale profonda ineguaglianza sociale , la precarietà ed incertezza lavorativa .

venerdì 10 aprile 2020

OLTRE LE FACILI SOLUZIONI




I tempi difficili che stiamo vivendo  a causa dell’esplosione della pandemia causata dal Coronavirus Covid-19 ci portano tutti a chiederci se  il senso del nostro cammino vada nella direzione migliore.
Ci chiediamo se le nostre organizzazioni sociali rispondano veramente ai nostri bisogni. Compariamo fra loro le varie ideologie che hanno guidato i popoli nel corso della storia passata e presente , Cerchiamo una soluzione definitiva ai nostri problemi ed una strada  o una soluzione da seguire  con nuova fede.
C’è chi si preoccupa di far ripartire al più presto il sistema economico  mondiale, oggetto probabilmente di una grave depressione,  sottolineando la necessità della creazione di maggiore ricchezza come base per la risoluzione di tutti gli altri problemi sociali. C’è  chi contesta tutto questo, richiamando alla necessità di cogliere l’occasione ‘per rifondare le nostre società sull’obiettivo di una “ decrescita felice”. Chi ancora sottolinea l’importanza   di uno sviluppo ecologico e di una maggiore eguaglianza sociale e mondiale.
Credo che ,comunque,  per affrontare  i tempi difficili che viviamo, prima che di decrescita felice, povertà, incremento spasmodico della ricchezza o di tutte le altre soluzioni proposte   avremmo bisogno tutti   soprattutto di equilibrio.
Bisogno di verità , di bellezza e di conoscenza.
All’interno di tutto questo, la soddisfazione fisica e mentale non è per niente un aspetto da disprezzare; anzi, è una molla indispensabile  che guida il nostro istinto di sopravvivenza spingendoci verso il raggiungimento di un’esistenza piena di vita; tuttavia , è anche vero che comprendere come tutto questo debba essere realizzato in equilibrio nei confronti del nostro rapporto con la natura e con le altre persone sia indispensabile.
Non credo che esistano soluzioni predisposte e/o programmate che ci salvino dal dilemma  e dalle contraddizioni  presenti dall’origine del mondo all’interno dell’essere umano e della società in cui vive.
 Il dilemma fra paura e coraggio, tra  morte e vita con tutto quello che ne consegue in termini di violenza fisica e mentale,  danni psicologici , sociologici , politici ed economici non  sono eliminabili.
Anche le conseguenze umane e sociali di tutto questo  è difficile pensare che possano essere risolte per sempre.
Bisognerebbe credere in una sorta di evoluzionismo costante e virtuoso non solo dell’uomo ma anche di tutto quello che ruota attorno a lui; mentre, nel corso della storia, ci siamo accorti come ogni volta le contraddizioni presenti diventino ancora più drammatiche e globali grazie proprio alla maggiore disponibilità di conoscenze e ricchezza materiale che abbiamo accumulato
.In realtà, siamo sempre uguali nel tempo e posti,  dall’origine del mondo, sempre di fronte agli stessi dilemmi esistenziali e morali ed alla nostra responsabilità.
Ogni volta, dipenderà tutto dalle nostre scelte per vivere al meglio  i tempi in cui ci troviamo, godendo di tutto il benessere possibile.
Sta a noi scegliere se privilegiare l’amore  o l’odio nella nostra esistenza.
Il rispetto o la sopraffazione verso l’altro ,  prendendo come scusante la paura di essere un  possibile oggetto di aggressione a nostra volta.
Una sostanziale   opportunità per tutti di condurre una vita economicamente e socialmente  sostenibile, prendendoci cura di chi è meno capace o fortunato.

martedì 31 marzo 2020

IL DILEMMA EUROBOND




Il vero problema da affrontare è che per la prima volta si dovrebbe pensare ad un bilancio europeo a debito con emissione di eurobond il cui rimborso potrebbe essere coperto in ultima istanza non dai singoli stati membri (che non ne avrebbero nessuna voglia ) ma dalla BCE ( debitore e garante di ultima istanza).
 Una monetizzazione del nuovo debito comune , deciso insieme.
 Ce la sentiamo di fare questo? Ci può essere interesse da parte degli stati membri di muoversi in tal senso? 
In caso contrario di fronte ad una pesante crisi economica ed alla possibile sfiducia dei mercati su questo o quel paese , l'unica possibilità per quest'ultimo sarebbe quella di affrontare una possibile scelta fra due ipotesi non prive di gravi conseguenze politiche:
 1) il singolo paese chiede aiuti finanziari al MES sottoponendosi a delle condizioni .
 Potete immaginare il dissenso politico ed i contrasti che ne deriverebbero a meno che non fosse deciso di non porre condizioni. sarebbe a quel punto inevitabile  muoversi su dimensioni modeste e non risolutive.
2) di fronte ad una crisi economica enorme e presenti forti  difficoltà nel mercato dei capitali , la scelta di uscire dalla moneta comune e mettere in discussione il percorso di unità europea. 
A mio parere queste sono due scelte davanti alle quali nessun paese europeo  dovrebbe trovarsi.
Occorre mediazione , mediazione, mediazione e la possibilità di affrontare insieme la situazione con l'iniezione di una forte componente monetaria da parte della BCE. 
L'occasione invece potrebbe, al contrario, aprire una stagione aurea europea se sapessimo non solo aiutare chi è in difficoltà, ma anche coinvolgere tutti in un progetto di sviluppo europeo sovranazionale.
Uno sviluppo  economico improntato sulla ricerca scientifica e la rivoluzione digitale . Sulla produzione di energia  da fonti alternative ed eco-sostenibili. Sulla capacità di articolare una equa tassazione  a carico delle  multinazionali che operano sul territorio europeo.Sulla capacità di porci come interlocutore dello sviluppo del grande continente africano , Valutando finalmente la possibilità di omogeneizzare non solo il costo delle merci ma anche del lavoro nell'area europea e delle regole sulla disoccupazione.
Una strada lunghissima, se vogliamo, ma basata fondamentalmente sull'accelerazione dell'entità e delle caratteristiche di uno sviluppo che, da solo, nessun paese sarebbe in grado di gestire Bisognerebbe anche avere il coraggio di creare degli organismi sovranazionali  incaricati di condurre e dirigere questi progetti  con iniziative dirette e con poteri eccezionali  conferiti dagli stessi stati membri . Queste grandi aziende sovranazionali dovrebbero rispondere del loro operato   direttamente agli organismi decisionali europei.
Come sempre accade nei grandi periodi storici di mutamento, siamo  di fronte a prospettive e possibilità contraddittorie e divergenti.
 Abbiamo nelle nostre mani il nostro futuro; ma, esso non è delineato in alcun modo e dipenderà esclusivamente dalle nostre scelte.

lunedì 18 novembre 2019

UN'IPOTESI PROGRESSISTA PER L'ITALIA



Un’ipotesi progressista dovrebbe  partire da una ripresa della produttività del nostro paese e dall'obiettivo della piena occupazione. 
Una ripresa della produttività ottenuta da un lato con  una riduzione del costo del lavoro   lordo a carico delle aziende, ponendo parte dei contributi e della tassazione il più possibile a carico della fiscalità generale( aumento del livello di esenzione e riduzione delle aliquote fino a 25.000 euro lordi annui)  e dall’altro con un massiccio sostegno agli investimenti nella ricerca e innovazione e alle sue concrete applicazioni, in una virtuosa sinergia fra pubblico e privato.
Occorrono forti investimenti pubblici  nel campo della produzione di energia attraverso lo sviluppo delle fonti alternative sostenibili e al servizio dell'ambiente, privilegiando le aree del Mezzogiorno.Una semplificazione degli appalti ed il ritorno ad una impresa nazionale di lavori pubblici statale che, in  sinergia con i privati, possa mettere in campo un' immediata realizzazione delle infrastrutture necessarie. 
Occorre porre al primo posto la sostenibilità ambientale dello sviluppo . Il PD deve essere percepito con chiarezza come il partito che intende agire con decisione sul problema dell'ambiente   ponendolo al centro delle politica di ripresa economica del paese.  
Dobbiamo intervenire sulla riforma del reddito di cittadinanza trasformandolo in “lavoro di cittadinanza”  con l'obbligo pertanto della prestazione di almeno 30 ore settimanali di lavoro socialmente utile e 10 ore di frequenza e/o disponibilità per la formazione e ricerca di lavoro. . Creiamo squadre di lavoro  che operino per  la realizzazione di nuove case popolari, riconversione e lavoro nei terreni pubblici abbandonati, difesa dell’ambiente, servizi sociali ai disabili, alle famiglie ecc. ecc. Un’occasione d’ingresso al lavoro, di socializzazione e d’integrazione insieme per lavoratori italiani disoccupati( prima occupazione , scaduto il sussidio naspi e disoccupazione di lunga durata) e per immigrati ( obbligo di prestazione di lavoro anche se in attesa di definizione della propria condizione ). Un lavoro sociale temporaneo in attesa dell' inserimento nel mercato del lavoro  a tempo indeterminato.
Va riavviata  una nuova politica sociale per la casa e un minimo reddito di povertà.
Tutte le persone che non siano dichiarate malate , invalide ,vecchie devono poter essere seguite con un sussidio ed in cambio prestare un adeguato lavoro socialmente utile. 
Bisogna ancora realizzare  misure di disincentivazione del lavoro precario facendolo costare almeno il 30% in più di quello a tempo indeterminato e lottare per l'introduzione nel nostro Paese del salario minimo orario.
Attivare una lotta senza quartiere nei confronti della criminalità organizzata con un preciso controllo del territorio, specialmente nel Mezzogiorno, per consentire la possibilità di nuove condizioni di vita e di attività in queste aree. Ad esempio, la piaga della droga e la sua diffusione  stanno  distruggendo larga parte della nostra società ed arricchendo la criminalità organizzata. In molte realtà la stessa riesce addirittura ad essere l'unica possibilità per molti di avere un'occupazione . Tutto questo deve finire con la ripresa del controllo del territorio da parte dello Stato e la diffusione del piano nazionale del lavoro  legato al reddito di cittadinanza. 
Questo piano  può e deve essere realizzato ottenendo maggiori risorse da:
- una forte riorganizzazione della spesa statale ( spending review) orientandola verso gli impieghi più produttivi e con una riduzione delle spese amministrative grazie ad una vera rivoluzione digitale ed una semplificazione delle procedure. Bisogna applicare anche nel settore pubblico  la riforma dello " Jobs Act" 
-l’incremento di una tassazione sui redditi fortemente progressiva da cui recuperare almeno 8/9 MM
-l’incremento progressivo delle tasse di successione a partire da 500.000 euro;
- La reintroduzione dell'IMU sulla prima casa 
- una rimodulazione dell'IVA con l'obiettivo di un maggiore incasso di almeno  5MM.
- Una forma di  tassazione sul fatturato delle multinazionali del web realizzati in Italia .Ad esempio con una imposta speciale su tutte le transazioni economiche ( IVA aumentata del 5%? )  sul web oltre ad un accordo specifico da realizzare in sede europea sugli utili d'impresa .
La proposta del Partito Democratico deve essere chiara e forte su questi temi per realizzare " UN NUOVO CORSO" per il nostro Paese in uno dei momenti più difficili della sua storia.